INTERVISTA: Gli scrittori della porta accanto

Aggiornato il: 9 set 2020



Intervista ad Andrea Riccardo Gasparoni, in tutti gli store online con Il risveglio della Fenice. Storie delle Terre Unite (Youcanprint): «L’idea del mondo perfetto resta un’utopia. Ma grazie ai libri, tutti possiamo scegliere un nuovo mondo, una nuova storia in cui rifugiarci».

Nato e cresciuto a Vicenza, la città del Palladio, nel 1988, ha manifestato sin dall'infanzia una passione grande passione verso il fantasy, da quando i suoi genitori gli hanno fatto guardare La storia infinita.

È un perito meccanico, diplomato frequentando il corso serale presso l'istituto tecnico locale, lavorando di giorno. Crescendo si è reso conto che inventare storie gli piaceva molto, così, nel 2017 ha iniziato a scrivere il suo primo libro. Il risveglio della Fenice è il suo romanzo d'esordio, il primo della trilogia "Storie delle Terre Unite".


Diamo il benvenuto ad Andrea Riccardo Gasparoni. Grazie per avere scelto il nostro web magazine culturale Gli Scrittori della Porta Accanto – Non solo libri.  Entriamo subito nel vivo di questa intervista. Per scrivere è necessario avere una storia da raccontare, una scintilla interiore. Cosa significa per te scrivere, cosa ti affascina e ti ispira?

Direi che non sono mai stato un asso a scuola, tanto meno, un abile lettore. A causa della dislessia, la lettura è sempre stata pesante, difficile, impegnativa.

Tuttavia, ho sempre avuto molta fantasia e, col passare degli anni, la voglia di mettere nero su bianco qualcosa cresceva. Finché, un giorno, per gioco, iniziai a scrivere. Uno svago che si è presto rivelato incredibilmente potente. Oggi non passa giorno in cui non scriva qualcosa.


Ti concentri meglio sulla scrittura di giorno o di notte? Perché?

Mia nonna diceva sempre: “La notte porta consigli”, e così è. Durante la notte, le idee prendono forma, diventando più nitide e questo facilita la scrittura. Ci sono state notti in cui sono arrivato a scrivere venti pagine senza mai fermarmi.


Storia delle Terre Unite. Il risveglio della Fenice. Ci racconti come è nato questo titolo?

Ho deciso il titolo durante la stesura della trama. Non ci ho pensato molto, anzi, è stato immediato.


A che genere appartiene e a che target di pubblico ti rivolgi?

Si tratta di un romanzo fantasy epico, rivolto principalmente a ragazzi dai dieci anni ai venti, ma comunque, leggibile anche in età adulta. Ho cercato di rendere il testo leggero, scorrevole, inserendo molti colpi di scena per non abbassare mai l’attenzione del lettore. Per questo motivo credo che Storie delle Terre Unite sia piaciuto anche a persone adulte non amanti del genere fantasy.Che tema affronti con il tuo romanzo?

Essendo un romanzo appunto per ragazzi ho cercato di inserire, seppur in modo leggero, alcuni valori molto importanti, che è bene siano compresi sin dalla giovane età: il rispetto verso le persone e verso la natura, l’educazione, il coraggio, l’importanza dell’amicizia e della lealtà.

Questi per me sono messaggi fondamentali da trasmettere, e per quanto vengano marcati anche da genitori e insegnanti, credo che ribadirli in maniera indiretta, quasi naturale, sia doveroso per uno scrittore.


Che emozioni vuoi trasmettere, che effetto desideri creare nel lettore?

Curiosità! Vorrei che il lettore avesse voglia di scoprire come prosegue la storia, cosa succede a Seth quando tornando a casa, viene sorpreso da un lupo bianco…

Ma non solo. Vorrei che la gente si affezionasse ai personaggi, che si immedesimasse. Mi piacerebbe leggere magari su Facebook il commento di un ragazzo: “Ma Caleb, che problemi ha?”


Che tipo di lettore è Andrea Riccardo Gasparoni? Preferisce sfogliare le pagine dei libri, annusando il profumo delle pagine, oppure si è lasciato sedurre dalle nuove tecnologie e legge gli ebook?

Assolutamente cartaceo. Gli ebook sono molto comodi, gli audiolibri ancora di più, ma avere tra le mani la carta, sentire il profumo della stampa, toccare la copertina, sfogliare le pagine…è un’emozione che la tecnologia non riesce a trasmetterti!


Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari? 

Assolutamente sì. Attualmente sto lavorando sul secondo capitolo della saga, che conto di pubblicare entro marzo 2021.

Il mio sogno è quello di vedere questa saga nelle mani di tutti i ragazzi, che piaccia così tanto che alla fine facciano un film basato sulle vicende di Seth e dei suoi compagni.

So bene che è fin troppo ambizioso ma, dopotutto, che male c’è a sognare? In fondo…“solo chi sogna può volare” 😊


Nella speranza che il suo sogno si avveri, ringraziamo tantissimo Andrea Riccardo Gasparoni  per essere stato ospite degli Scrittori della porta accanto e, anche a nome dei nostri lettori, gli auguriamo in bocca al lupo per suoi progetti futuri.

https://www.gliscrittoridellaportaaccanto.com/2020/09/scrittori-intervista-ad-andrea-riccardo-gasparoni.html?fbclid=IwAR1YM4dKIAFaQ2Vh_LCQya6z2B-CCov4SyI3Ai5Q3B0V0qzQ2RVWGeakqz0&m=1




2 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Pubblicazione

Anche voi vi siete trovati in difficoltà quando avete completato il vostro romanzo? Che fare quando siete convinti che siete pronti a buttarvi tra gli squali? Ebbene, vediamo quali sono le varie possi

L'ispirazione

©2020 di Storie delle Terre Unite Il risveglio della Fenice. Creato con Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now