STORIE DELLE TERRE UNITE PRESENTA: IVAN COLLURA




1- Ciao, parlaci un po’ di te

Ciao! Mi chiamo Ivan Collura, ho trentanove anni e vivo più o meno al centro della Sicilia, a Caltanissetta dove, oltre al mare, mancano tante altre cose… Gestisco un bar da otto anni, dove leggo e scrivo e ogni tanto preparo qualcosa per i clienti; il caffè lo so fare bene, garantito!


2- A che età ti sei avvicinato al mondo della letteratura?

Mi sono avvicinato al mondo dei libri non da molto, dal 2014.


3- Qual è stato il primo libro che hai letto?

Grazie al mio compare Gaetano, che mi regalò il libro scritto da suo zio, “Sepolto vivo”, ho cominciato a leggere durante le pause al lavoro, e da quel giorno non ho più smesso.


4- Chi o cosa ti ha portato a scrivere?

I primi a incoraggiarmi a scrivere qualcosa sono stati i miei clienti che, vedendomi ogni giorno e per anni con un libro sotto agli occhi, alla fine mi hanno convinto a buttarmi. In seguito è stato sempre il solito Gaetano a darmi una mano dandomi le prime nozioni di scrittura, tipo dove e come mettere gli accenti ecc.


5- Che genere scrivi?

Per lo più scrivo quello che mi piace leggere, mixando diversi generi come il thriller, lo spionaggio e la narrativa contemporanea; trattano temi dove credo di essere più ferrato.


6- Parlaci del tuo libro

“Una storia buia” è il mio ultimo romanzo e, poiché spesso non riesco a essere sintetico e rischio anche di spoilerare, ve ne parlo trascrivendovi la “quarta di copertina”:

In una Sicilia che fa da splendido sfondo s’intrecciano le storie di vita di Tino Garozzo e Alfio Raciti. Due ragazzi diversi per carattere ed età, che vengono uniti da affetto e giri illegali. Tino viene bullizzato per anni a causa di un brutto angioma violaceo sul viso e la sua corporatura al limite dell'obesità; sopporta soprusi, prese in giro e violenza. Alfio ha una doppia personalità che lo porta spesso a commettere errori; è istintivo, vive per il suo Dojo e ama fare i soldi non curandosi dell'aspetto legale. Le loro vite si intrecceranno a quelle di personaggi ugualmente complessi e che li porteranno a sviluppare il più grande giro di narcotraffico del Mediterraneo. Una storia buia ci regala uno scorcio sulla vita degli anni Novanta, fra giovani, musica, droga e tecnologia.


7- Con chi hai pubblicato? Raccontaci un po’ la tua avventura.

La casa editrice che mi sta supportando è la ODE Edizioni di Pavia. Non mi aspettavo una proposta editoriale celere, così, in attesa, mi ero iscritto al prestigioso concorso “Dea Planeta”. Credevo che non avrei vinto, ma mai smettere di sognare e quando ricevetti la proposta di Barbara della ODE, mi ha concesso di darle una risposta aspettando la fine del concorso che ovviamente non ho vinto. Posso disse che alla fine è andata comunque bene.

8- Ti piacciono anche altri generi?

Leggo un po’ di tutto, sempre parlando di romanzi, ma preferisco le spy story, i thriller, le avventure e l’azione.


9- Qual è il tuo fine? Perché scrivi?

Scrivo perché mi piace tanto e ho il tempo per farlo, quello che creo a qualcuno piace e mi piacerebbe che un giorno diventasse un’occupazione. Come ho detto prima: “mai smettere di sognare!”


10- A chi sono rivolti le tue fatiche letterarie?

Se dicessi che le mie opere sono rivolte a tutti, mentirei. Di certo sono per un pubblico adulto, portato per i miei stessi generi o voglioso di leggere qualcosa di nuovo.


11- Ci sono progetti futuri che vorresti condividere con noi?

Vorrei intanto completare la trilogia: “Una storia buia” è il mio secondo romanzo, ma lo si può benissimo leggere senza aver letto il precedente; il primo è “La maledizione di Haller”, che sto rivisitando così da ripubblicarlo; poi penserò al terzo. Infine, mi piacerebbe scrivere qualcosa per i più giovani, così che mio figlio non aspetti altri dieci anni prima di leggere qualcosa scritta da me.


12- Hai un messaggio da dare a chi, come te, si è o si sta avvicinando a questo meraviglioso mondo della scrittura?

Sicuramente, prima di mettersi a scrivere, bisogna leggere tanto. Confrontarsi con i colleghi non guasta, infatti consiglio di leggere anche autori esordienti.



· Link di acquisto: https://www.amazon.it/Una-storia-buia-Ivan-Collura-ebook/dp/B08V1ZVJFB/ref=sr_1_1?__mk_it_IT=%C3%85M%C3%85%C5%BD%C3%95%C3%91&dchild=1&keywords=una+storia+buia&qid=1615386265&sr=8-1


· Pagina Facebook:

https://www.facebook.com/La-Maledizione-di-Haller-101538261270792

21 visualizzazioni1 commento

Post recenti

Mostra tutti

©2020 di Storie delle Terre Unite Il risveglio della Fenice. Creato con Wix.com

This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now